Sostitutivi del pasto per gli anziani: cosa sono e come sceglierli?

Quando le persone invecchiano, di solito perdono l’appetito. Tutti hanno bisogno di una quantità normale di nutrienti al giorno. La perdita di appetito non consente agli anziani di farlo. Ciò può portare a carenze nutrizionali. Per evitare ciò, è necessario ricorrere ai sostitutivi dei pasti. Cosa sono i sostitutivi dei pasti? Come sceglierne uno?

Che cos’è un sostituto del pasto?

Prima di sapere chi sono i vari sostitutivi del pasto, bisogna sapere che si tratta di integratori alimentari. Sono realizzati esclusivamente per fornire all’organismo il necessario apporto di sostanze nutritive. Con un sostituto del pasto, si ottengono tutti i nutrienti di cui si ha bisogno da un pasto completo. Si può vedere qui. Sono spesso utilizzati da persone che non possono prepararsi un pasto completo. Per questo motivo sono molto utili per gli anziani. In un pacchetto, sono la soluzione nutrizionale ideale. Come sostituto del pasto, gli anziani possono optare per le barrette proteiche. Sono portatili e, soprattutto, facili da consumare. Gli anziani possono utilizzare i frullati. Di solito sono preparati con verdure, frutta, latte e proteine in polvere. I frullati sono una vera e propria fonte di nutrimento per gli anziani.

Come scegliere un sostituto del pasto

Quando si sceglie un sostituto del pasto per una persona anziana con scarso appetito, bisogna necessariamente tenere conto delle sue esigenze. Queste sono principalmente di tipo nutrizionale. Ad esempio, in caso di necessità di proteine, si può acquistare un integratore ricco solo di questo nutriente. Oltre alle esigenze nutrizionali, bisogna puntare sulla qualità. È importante che i sostitutivi dei pasti per anziani contengano tutti i nutrienti. Assicuratevi quindi di farlo al momento della scelta. Per essere sicuri, leggete le etichette dei sostitutivi. Se avete bisogno di aiuto, consultate un dietologo. È un esperto che può suggerire i migliori sostitutivi del pasto per gli anziani. Per ottenere i nutrienti di cui hanno bisogno, gli anziani dovrebbero scegliere i sostitutivi dei pasti.

5 idee regalo per il vostro medico in pensione

Avendo un medico di base, avete sicuramente beneficiato molte volte delle sue straordinarie capacità. Ora che sta per andare in pensione, volete fargli un regalo. Un regalo che gli ricordi la sua passione anche durante le lunghe vacanze. Quali sono quindi alcune idee interessanti tra cui scegliere? Perché non optare per un portabottiglie da chirurgo? È normale cercare di offrire un regalo al proprio medico che ha servito per anni con dedizione. È una domanda che molti pazienti si pongono. La prima idea regalo che consigliamo è il portabottiglie da chirurgo. Questo tipo di regalo è fatto per contenere bottiglie con un diametro di 9 cm. Il portabottiglie da chirurgo non è solo un accessorio originale, ma anche decorativo che piacerà molto al medico. Cosa si può regalare a un dottore che va in pensione? Libri: sono i regali migliori? Come regalo per il vostro medico in pensione, potete optare per dei libri. Infatti, nei negozi online specializzati, avete la possibilità di scegliere vari t... Di più...

Studi per una nuova terapia contro il Parkinson

Il lavoro viene da due team indipendenti, uno cinese, l’altro americano. E i loro risultati, imprese sorprendenti, aprono la strada a una strategia terapeutica molto promettente per il morbo di Parkinson. Che cosa è il morbo di Parkinson Questa malattia neuro degenerativa è caratterizzata dalla scomparsa di un particolare tipo di neuroni, quelli che, da una regione chiamata “sostanza nera”, producono dopamina, neurotrasmettitore essenziale per il controllo dei movimenti, e inviano le loro estensioni alla regione del cervello striato. Tuttavia, i due team hanno dimostrato che possiamo incoraggiare il cervello a produrre nuovi neuroni dopaminergici per sostituire quelli che sono scomparsi. Più precisamente, che è possibile trasformare alcune cellule presenti in gran numero nel cervello in questo specifico tipo di neurone. Applicato a topi resi parkinsoniani dall’iniezione intracerebrale di una neurotossina, un tale approccio ha permesso ai roditori di recuperare u... Di più...